L’agenzia delle Entrate segnala le Comunicazioni periodiche Iva omesse




Al fine di stimolare l’assolvimento degli obblighi tributari e favorire l’emersione spontanea delle basi imponibili, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione di specifici contribuenti soggetti passivi IVA, le informazioni dalle quali emerge che, relativamente al trimestre di riferimento, risultano comunicati dati di fatture emesse e non risulta pervenuta alcuna Comunicazione liquidazioni periodiche IVA (Agenzia Entrate – provvedimento n.314644/2018).

L’Agenzia delle Entrate trasmette all’indirizzo PEC del contribuente una comunicazione contenente:
– il codice fiscale, denominazione, cognome e nome del contribuente;
– il numero identificativo della comunicazione, anno d’imposta e trimestre di riferimento;
– il codice atto;
– le modalità attraverso le quali consultare gli elementi informativi di dettaglio relativi all’anomalia riscontrata;
– l’ invito a fornire chiarimenti e idonea documentazione, anche tramite il canale di assistenza CIVIS, nel caso in cui il contribuente ravvisi inesattezze nei dati delle fatture in possesso dell’Agenzia delle Entrate o intenda comunque fornire elementi in grado di giustificare la presunta anomalia.


Coloro che risultano sprovvisti di PEC, possono consultare la suddetta comunicazione all’interno del portale “Fatture e Corrispettivi”, nella sezione “Consultazione”, area “Dati rilevanti ai fini IVA”.
Ai fini della regolarizzazione della posizione del contribuente, quest’ultimo può richiedere informazioni ovvero segnalare all’Agenzia delle Entrate eventuali elementi, fatti e circostanze dalla stessa non conosciuti.
Per procedere invece alla regolarizzazione degli errori o delle omissioni, a fronte delle informazioni rese dall’Agenzia delle Entrate, il contribuente può beneficiare della riduzione delle sanzioni in ragione del tempo trascorso dalla commissione delle violazioni mediante l’istituto del ravvedimento operoso.





Link all’articolo originale

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi aggiornamenti utili per la tua attività

Condividi questo articolo

Ti potrebbe anche interessare...

News Fisco

Prezzi al consumo: giugno 2024

A giugno l’inflazione si è mantenuta stabile rispetto ai mesi precedenti, con un tasso dello 0,8%. Questo dato è stato influenzato principalmente dalla diminuzione dei

Read More »

Vuoi approfondire l'argomento ?

scrivici o telefonaci se vuoi maggiori informazioni

Red telephone on wooden table with notepad