Tfs per i piloti dei porti: fiscalmente è uguale al Tfr




Il trattamento di fine servizio erogato dalle Corporazioni dei piloti dei porti può essere trasferito a forme pensionistiche di previdenza complementare in esenzione d’imposta, in quanto, soggetto alla stessa disciplina fiscale prevista per il trattamento di fine rapporto (art. 19, co. 4, TUIR) (Agenzia Entrate – risposta n. 7/2019).

Il trattamento di fine servizio erogato dalle Corporazioni dei piloti dei porti può essere trasferito a forme pensionistiche di previdenza complementare in esenzione d’imposta, in quanto, essendo soggetto alla stessa disciplina fiscale prevista per il trattamento di fine rapporto, trova applicazione la disposizione in base alla quale non si considerano anticipazioni e, quindi, non vanno tassate le somme e i valori destinati alle forme pensionistiche complementari.


Inoltre, in base al “Regolamento per l’esecuzione del Codice della navigazione marittima”, la modalità di determinazione del Tfs dei piloti portuali è del tutto assimilabile al criterio di calcolo del Tfr.


Pertanto, il Tfs erogato ai piloti rileva fiscalmente al pari del Tfr e relativamente alla compilazione della Certificazione unica, devono essere valorizzati gli stessi campi del modello riservati al trattamento di fine rapporto.





Link all’articolo originale

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi aggiornamenti utili per la tua attività

Condividi questo articolo

Ti potrebbe anche interessare...

News Fisco

Bonus colonnine domestiche. Contributi 2024

È stato pubblicato un decreto direttoriale che stabilisce le disposizioni procedurali per la concessione e l’erogazione di contributi per l’acquisto e l’installazione di infrastrutture di

Read More »

Vuoi approfondire l'argomento ?

scrivici o telefonaci se vuoi maggiori informazioni

Red telephone on wooden table with notepad