Prorogate le rate della Rottamazione delle cartelle bis




I contribuenti che hanno aderito alla Rottamazione delle cartelle bis, ma che non hanno provveduto al pagamento delle rate dei mesi di luglio e settembre 2018, possono nuovamente usufruire delle agevolazioni previste dalla Rottamazione previo pagamento delle rate scadute entro il 07 dicembre 2018. Entro la medesima data va versata anche la rata di ottobre prossima alla scadenza (art. 3, D.L. n. 119/2018).

La Rottamazione delle cartelle bis ha interessato:


– per i carichi affidati all’Agente di riscossione dal 2000 al 2016:
a) i contribuenti che non hanno presentato alcuna domanda entro il primo termine, il 21 aprile 2017;
b) i contribuenti che hanno presentato domanda entro il 21 aprile 2017 ma respinta perché non in regola con il pagamento delle rate, in scadenza al 31 dicembre 2016, dei piani di dilazione in essere al 24 ottobre 2016;


– i contribuenti che hanno debiti relativi ai carichi affidati agli agenti della riscossione dal 1° gennaio al 30 settembre 2017.


Per i carichi affidati agli agenti della riscossione dal 2000 al 2016, la somma oggetto di definizione agevolata può essere pagata in un’unica soluzione, a ottobre 2018, oppure a rate nel numero massimo di tre:
– due rate consecutive di pari ammontare, scadenti rispettivamente nei mesi di ottobre 2018 e novembre 2018, dell’80% delle somme complessivamente dovute ai fini della definizione;
– l’ultima rata relativa al restante 20% delle somme complessivamente dovute ai fini della definizione, entro febbraio 2019.


Per tali contribuenti, la rata di ottobre (sia in caso di pagamento unico o dilazionato) slitta al 07 dicembre 2018.


Relativamente ai carichi affidati agli agenti della riscossione dal 1° gennaio 2017 al 30 settembre 2017, fermo restando che il termine del pagamento unico è già trascorso (31 luglio 2018), il pagamento dilazionato ha previsto un massimo di 5 rate consecutive di pari importo, da pagare rispettivamente nei mesi di luglio 2018, settembre 2018, ottobre 2018, novembre 2018 e febbraio 2019. In tal caso, è possibile regolarizzare entro il 07 dicembre 2018 le rate di luglio e settembre 2018 non pagate e di versare la rata di ottobre 2018 prossima alla scadenza sempre entro il 07 dicembre.
Per i contribuenti che vi provvedono, è previsto il differimento automatico del versamento delle restanti somme in dieci rate consecutive di pari importi, con scadenza 31 luglio e 30 novembre di ciascun anno a decorrere dal 2019, sulle quali sono dovuti dal 1° agosto 2019 gli interessi al tasso dello 0,3% annuo.
Per le suddette somme differite, è comunque previsto il pagamento in unica soluzione entro il 31 luglio 2019.





Link all’articolo originale

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi aggiornamenti utili per la tua attività

Condividi questo articolo

Ti potrebbe anche interessare...

News Fisco

Prezzi al consumo: giugno 2024

A giugno l’inflazione si è mantenuta stabile rispetto ai mesi precedenti, con un tasso dello 0,8%. Questo dato è stato influenzato principalmente dalla diminuzione dei

Read More »

Vuoi approfondire l'argomento ?

scrivici o telefonaci se vuoi maggiori informazioni

Red telephone on wooden table with notepad