Proroga indennità di mobilità 2018 nelle Marche




27 nov 2018 Siglato l’accordo di Programma per la reindustrializzazione delle aree coinvolte dalla crisi del gruppo Antonio Merloni, prorogata l’indennità di Mobilità anno 2018 nelle Marche.

E’ concessa la proroga dell’indennità di mobilità per un massimo di n. 12 mesi ai lavoratori licenziati da una unità produttiva ubicata all’interno dell’area di crisi di cui all’Accordo di Programma per la reindustrializzazione delle aree coinvolte dalla crisi del gruppo Antonio Merloni e che alla data dell’1/1/2018 siano beneficiari di mobilità ordinaria o mobilità in deroga, scaduta o in scadenza nell’anno 2018.
I lavoratori beneficiari saranno quelli licenziati da aziende ubicate all’interno dell’Area di Crisi di cui all’Accordo di Programma per la reindustrializzazione delle aree coinvolte dalla crisi del gruppo Antonio Merloni indipendentemente dalla loro attuale residenza.
L’erogazione del suddetto beneficio è subordinato alla partecipazione, dal parte del lavoratore, al programma di Politiche Attive predisposto dalla Regione Marche.
I lavoratori beneficiari che risiedono in Umbria, possono sottoporsi validamente alle misure di Politica Attiva predisposte dai Centri per l’Impiego dell’Umbria. Al riguardo verrà attivato un apposito canale comunicativo tra le due Regioni.
Le domande di mobilità in deroga dovranno essere presentate dai lavoratori interessati, telematicamente alle sedi INPS territorialmente competenti in base alla residenza dei lavoratori entro il 30/11/2018.
Contestualmente il lavoratore interessato, entro il 30/11/2018 presenta ulteriore domanda al Centro per l’Impiego competente nel cui territorio era o è ubicata l’azienda che ha proceduto al licenziamento.
La Regione Marche con la collaborazione dell’INPS regionale verificherà i requisiti per l’accesso alla prestazione.
Eventuali assunzioni a tempo determinato che avvengono all’interno del periodo di proroga concesso, non fanno decadere dal trattamento , la cui liquidazione può riprendere al termine del contratto fino allo scadere dei 12 mesi concessi.
I Centri per l’Impiego deputati alla erogazione delle misure di politica attiva, trasmetteranno agli uffici regionali competenti l’elenco dei lavoratori che hanno sottoscritto il patto di servizio personalizzato, conseguentemente, i nominativi verranno inseriti nel decreto di autorizzazione della proroga della mobilità 2018.





Link all’articolo originale

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi aggiornamenti utili per la tua attività

Condividi questo articolo

Ti potrebbe anche interessare...

Vuoi approfondire l'argomento ?

scrivici o telefonaci se vuoi maggiori informazioni

Red telephone on wooden table with notepad