Assunzioni disoccupati e stabilizzazioni precari nel Friuli Venezia Giulia




La Regione Friuli Venezia Giulia concede ai datori di lavoro, contributi a fondo perduto per favorire le assunzioni a tempo indeterminato, determinato di lavoratori disoccupati e per stabilizzazioni di personale precario.

La Regione Friuli Venezia Giulia concede ai datori di lavoro contributi a fondo perduto per favorire le assunzioni a tempo indeterminato, determinato di lavoratori disoccupati e per stabilizzazioni di personale precario.
Le domande possono essere presentate dalle ore 10.00 del 2 gennaio 2019 fino alle ore 12.00 del 31 agosto 2019.
Le assunzioni possono essere:
– tempo indeterminato;
– tempo determinato;
– stabilizzazioni di lavoratori precari.


Assunzione a tempo indeterminato


Contributi per l’assunzione a tempo indeterminato con contratto di lavoro subordinato e per l’inserimento lavorativo in cooperative come soci lavoratori di disoccupati.
La Regione sostiene l’assunzione a tempo indeterminato con contratto di lavoro subordinato anche parziale e l’inserimento lavorativo di soci lavoratori di cooperative, dei residenti nel Friuli Venezia Giulia e precisamente: donne disoccupate, uomini disoccupati di età non inferiore a 60 anni e uomini disoccupati o a rischio disoccupazione a seguito di una situazione di grave difficoltà occupazionale dichiarata con decreto dell’assessore regionale competente in materia di lavoro, o anche riconducibile alla crisi industriale complessa di Trieste.
I contributi sono erogati a fondo perduto in regime di de minimis e possono essere richiesti da datori di lavoro privati (imprese, associazioni, fondazioni, professionisti, cooperative) aventi sede o unità locale nel territorio della Regione Friuli Venezia Giulia.
I beneficiari dell’iniziativa sono:
1. imprese e loro consorzi, associazioni, fondazioni e soggetti esercenti le libere professioni in forma individuale, associata o societaria;
2. cooperative e loro consorzi;
aventi sede o unità locale in Friuli Venezia Giulia.
I destinatari dell’iniziativa sono:
– i disoccupati residenti nella Regione FVG, cittadini italiani, comunitari o extracomunitari in regola con la vigente normativa in materia di immigrazione, appartenenti ad una delle seguenti categorie:
1. donne;
2. uomini di età non inferiore a 60 anni;
3. uomini disoccupati o a rischio disoccupazione a seguito di una situazione di grave difficoltà occupazionale dichiarata con decreto dell’Assessore regionale competente in materia di lavoro, o anche riconducibile alla crisi industriale complessa di Trieste.
Per disoccupato si intende colui il quale ha acquisito lo stato di disoccupazione ai sensi della normativa nazionale o regionale, ed ha reso la dichiarazione di immediata disponibilità ai sensi della normativa nazionale e regionale.
L’ammontare degli incentivi è pari ad un importo di € 7.000,00
Incremento di € 1.000,00 in caso di:
– Individuazione del disoccupato attraverso preselezione del CPI
– Disoccupati a seguito di situazione di Grave Crisi Occupazionale
– Disoccupati da almeno 12 mesi
Incremento di € 3.000,00 in caso di:


– assunzione di donne con contratto di lavoro a tempo pieno, con almeno un figlio di età fino a cinque anni non compiuti; l’incentivo viene ulteriormente incrementato di € 3.000,00 nel caso in cui il datore di lavoro dispone di almeno una delle seguenti tipologie di misure di welfare aziendale per la conciliazione tra vita lavorativa e impegni di cura dei propri cari:
1) flessibilità dell’orario di lavoro o banca delle ore;
2) nido aziendale o convenzionato;
– assunzione di uomini e donne di età non inferiore a 60 anni la cui disoccupazione deriva da un contratto con riconoscimento della qualifica dirigenziale, con contratto di lavoro con riconoscimento della qualifica dirigenziale a tempo pieno.
Gli incrementi sono cumulabili.
La domanda è predisposta e presentata solo ed esclusivamente per via telematica e deve essere presentata – a pena di inammissibilità – dal 2 gennaio al 31 agosto 2019, prima dell’assunzione o in ogni caso entro il giorno 15 del mese successivo a quello in cui si è verificato l’evento.


Assunzione a tempo determinato


Contributi per l’assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato di disoccupati di età non inferiore a 60 anni.
L’Amministrazione regionale, sostiene l’assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, anche parziale non inferiore al 70%, di durata non inferiore a otto mesi dei residenti nel Friuli Venezia Giulia e precisamente donne e uomini disoccupati di età non inferiore a 60 anni.
I contributi sono erogati a fondo perduto in regime di de minimis e possono essere richiesti da datori di lavoro privati (imprese, associazioni, fondazioni, professionisti, cooperative) aventi sede o unità locale nel territorio della Regione Friuli Venezia Giulia.
I beneficiari dell’iniziativa sono:
1. imprese e loro consorzi, associazioni, fondazioni e soggetti esercenti le libere professioni in forma individuale, associata o societaria;
2. cooperative e loro consorzi;
aventi sede o unità locale in Friuli Venezia Giulia.
I destinatari dell’iniziativa sono:
I disoccupati residenti nella Regione FVG, cittadini italiani, comunitari o extracomunitari in regola con la vigente normativa in materia di immigrazione, di età non inferiore a 60 anni.
Per disoccupato si intende chi, privo di impiego, ha dichiarato in forma telematica la propria disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa e ha sottoscritto il patto di servizio personalizzato presso uno dei centri per l’impiego regionali.
L’ammontare degli incentivi è pari ad un importo di € 2.000,00
Incremento di € 1.000,00 in caso di:
– Individuazione del disoccupato attraverso preselezione del CPI
– Disoccupati a seguito di situazione di Grave Crisi Occupazionale
– Disoccupati da almeno 12 mesi
Gli incrementi sono cumulabili.
La domanda è predisposta e presentata solo ed esclusivamente per via e deve essere presentata a pena di inammissibilità – dal 2 gennaio al 31 agosto 2019 – prima dell’assunzione o in ogni caso entro il giorno 15 del mese successivo a quello in cui si è verificato l’evento.


Stabilizzazione di lavoratori precari


Contributi a fondo perduto ai datori di lavoro per la trasformazione in contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato, anche parziale non inferiore al 70%, di contratti di lavoro precario (lavoro intermittente, lavoro a progetto, collaborazione coordinata e continuativa, contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, lavoro somministrato, apprendistato, tirocinio) di donne e uomini indipendentemente dall’età anagrafica.
I beneficiari dell’iniziativa sono:
1. imprese e loro consorzi, associazioni, fondazioni e soggetti esercenti le libere professioni in forma individuale, associata o societaria;
2. cooperative e loro consorzi;
aventi sede o unità locale in Friuli Venezia Giulia.
I destinatari dell’iniziativa sono:
I residenti nella Regione FVG, cittadini italiani, comunitari o extracomunitari in regola con la vigente normativa in materia di immigrazione, che nei 5 anni precedenti alla trasformazione abbiano prestato lavoro precario, anche a favore di diversi datori di lavoro, per un periodo non inferiore a 12 mesi.
Vengono incentivati:
a) la trasformazione a tempo indeterminato del contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, con data di scadenza entro 24 mesi da tale data;
b) l’assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato di personale che lavorava presso il soggetto richiedente in base ad uno dei seguenti contratti:
1) lavoro intermittente indeterminato
2) lavoro intermittente determinato
3) lavoro a progetto
4) contratto di collaborazione coordinata e continuativa;
c) l’assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato di personale che lavorava presso il soggetto richiedente in base ad un contratto di somministrazione di lavoro;
d) l’assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato di soggetti che risultano prestare la loro opera presso il soggetto richiedente in esecuzione di un contratto di apprendistato;
e) l’assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato di soggetti che stanno realizzando presso il soggetto richiedente un tirocinio conforme alla regolamentazione regionale vigente in materia.
Gli interventi di cui alle lettere precedenti sono ammissibili a contributo a condizione che riguardino lavoratori che al momento della stabilizzazione risultano essere in una condizione occupazionale precaria: nei 5 anni precedenti hanno prestato la loro opera, per un periodo complessivamente non inferiore a 12 mesi, nella realizzazione di progetti di lavori socialmente utili, a condizione che l’opera sia stata prestata quali disoccupati, nella realizzazione di tirocini rientranti nell’ambito di applicazione della regolamentazione regionale vigente in materia o in esecuzione delle seguenti tipologie contrattuali:
1) contratto di lavoro subordinato a tempo determinato;
2) contratto di lavoro intermittente;
3) contratto di formazione e lavoro;
4) contratto di inserimento;
5) contratto di collaborazione coordinata e continuativa;
6) contratto di lavoro a progetto;
7) contratto di lavoro interinale;
8) contratto di somministrazione di lavoro;
9) contratto di apprendistato.
L’ammontare degli incentivi è pari ad un importo di € 7.000,00
Incremento di €1.000,00 in caso di:
1. soggetti proveniente da grave crisi occupazionale
2. soggetti con un periodo non inferiore a 18 mesi di lavoro precario.
Incremento di € 2.000,00
3.soggetti con un periodo non inferiore a 24 mesi di lavoro precario con lo stesso datore di lavoro.
Gli incrementi sono cumulabili nel seguente modo: punto 1+2; punto 1+3.
La domanda è predisposta e presentata solo ed esclusivamente per via telematica e deve essere presentata – a pena di inammissibilità – dal 2 gennaio al 31 agosto 2019, prima dell’assunzione o in ogni caso entro il giorno 15 del mese successivo a quello in cui si è verificato l’evento.





Link all’articolo originale

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi aggiornamenti utili per la tua attività

Condividi questo articolo

Ti potrebbe anche interessare...

News Fisco

Bonus colonnine domestiche. Contributi 2024

È stato pubblicato un decreto direttoriale che stabilisce le disposizioni procedurali per la concessione e l’erogazione di contributi per l’acquisto e l’installazione di infrastrutture di

Read More »

Vuoi approfondire l'argomento ?

scrivici o telefonaci se vuoi maggiori informazioni

Red telephone on wooden table with notepad