Legge di bilancio 2019: come cambia il “regime forfetario”




Le modifiche apportate al regime forfetario di cui all’articolo 1, commi 54-89, della legge 190/2014 previsto per i contribuenti persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni dalla legge 30 dicembre 2018, n. 145.


 


I contribuenti persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni applicano il regime forfetario se nell’anno precedente hanno conseguito ricavi ovvero hanno percepito compensi, ragguagliati ad anno, non superiori a euro 65.000 (quindi, non più a euro 50.000).
Non sussiste più il limite dei ricavi e dei compensi diverisificato per codice ateco e il limite del costo complessivo del personale e dei beni strumentali.
Il regime forfetario, pertanto, cessa di avere applicazione a partire dall’anno successivo a quello in cui viene meno il requisito dei 65.000 euro.
Ai fini della verifica della sussistenza dell’unico requisito per l’accesso al regime forfetario:
a) non rilevano gli ulteriori componenti positivi indicati nelle dichiarazioni fiscali per l’adeguamento agli Indici sintetici di affidabilità fiscale (precedentemente non rilevavano i ricavi e i compensi derivanti dall’adeguamento agli studi di settore);
b) nel caso di esercizio contemporaneo di attività contraddistinte da differenti codici ATECO, si assume la somma dei ricavi e dei compensi relativi alle diverse attività esercitate (e non più il limite più elevato dei ricavi e dei compensi relativi alle diverse attività esercitate).
Con riferimento alle cause di esclusione, quella rappresentata dalla realizzazione, nell’anno precedente, di redditi da lavoro dipendente o assimilati per un ammontare superiore a euro 30.000 è stata sostituita dalla seguente:
“non possono avvalersi del regime forfetario le persone fisiche la cui attività sia esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di lavoro o erano intercorsi rapporti di lavoro nei due precedenti periodi d’imposta, ovvero nei confronti di soggetti direttamente o indirettamente riconducibili ai suddetti datori di lavoro.”
Quella, invece, relativa alla contemporanea partecipazione a società di persone, associazioni o imprese familiari, è stata rafforzata aggiungendo il controllo diretto o indiretto di società a responsabilità limitata o associazioni in partecipazione, che esercitano attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d’impresa, arti o professioni.
Infine, ultima modifica, i soggetti che nel periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2014 si avvalgono del regime fiscale agevolato di cui all’articolo 13 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, o del regime fiscale di vantaggio di cui all’articolo 27, commi 1 e 2, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, possono applicare, laddove in possesso dei requisiti previsti dalla legge, l’aliquota del 5 per cento per i soli periodi d’imposta che residuano al completamento del quinquiennio (e non più del triennio) agevolato.





Link all’articolo originale

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi aggiornamenti utili per la tua attività

Condividi questo articolo

Ti potrebbe anche interessare...

News Fisco

Bonus colonnine domestiche. Contributi 2024

È stato pubblicato un decreto direttoriale che stabilisce le disposizioni procedurali per la concessione e l’erogazione di contributi per l’acquisto e l’installazione di infrastrutture di

Read More »

Vuoi approfondire l'argomento ?

scrivici o telefonaci se vuoi maggiori informazioni

Red telephone on wooden table with notepad