Patent box: ricomprese anche le prestazioni dei soci




Nel calcolo del reddito agevolabile ai fini del Patent box devono concorrere tutti i costi fiscalmente deducibili sostenuti dalla società connessi ai componenti positivi derivanti dall’utilizzo indiretto del programma, ivi compresi i costi derivanti dalla prestazioni professionali di ricerca e sviluppo dei soci (Agenzia Entrate – risposta n. 76/2019).

Lo sviluppo dei soci di un software in-house concesso a terzi non costituisce causa ostativa all’applicazione dell’agevolazione Patent box, essendo ricompresi nel calcolo del reddito agevolabile i costi delle prestazioni professionali svolte dai medesimi soci.


In merito l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che “concorrono alla formazione del reddito agevolabili, i costi, diretti e indiretti, connessi ai componenti positivi derivanti dall’utilizzo, diretto o indiretto, del bene immateriale agevolabile nella misura in cui gli stessi sono fiscalmente deducibili nel medesimo periodo d’imposta in base alle disposizioni del TUIR”.


Ciò comporta che, una volta identificati i costi, diretti e indiretti, riferiti al bene immateriale, occorre valutare la rilevanza fiscale. Presupposto imprescindibile per effettuare tale valutazione è ovviamente l’imputazione di detti costi al conto economico dell’esercizio di competenza.





Link all’articolo originale

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi aggiornamenti utili per la tua attività

Condividi questo articolo

Ti potrebbe anche interessare...

News Fisco

Bonus colonnine domestiche. Contributi 2024

È stato pubblicato un decreto direttoriale che stabilisce le disposizioni procedurali per la concessione e l’erogazione di contributi per l’acquisto e l’installazione di infrastrutture di

Read More »

Vuoi approfondire l'argomento ?

scrivici o telefonaci se vuoi maggiori informazioni

Red telephone on wooden table with notepad